L’estrazione di sabbia al Walpersberg


Da cava di sabbia a fabbrica di armi

 
 
 

Il Walpersberg è una montagna piatta di pietra arenaria nella valle Saaletal.  A partire dal 1897 la sua sabbia contenente caolino veniva estratta dall’impianto di porcellane “Porzellanwerke Kahla AG”. Le estrazioni avvenivano su un livello sotterraneo ad un un’altezza di 226 metri, sul versante sud-est della montagna. Una seconda cava col nome “Ernst Meltzer” nacque nella parte sud-ovest a 215 metri. Nella cava ad est vennero ricavati sino al 1944 circa 40.000 m² di superficie, nella cava “Ernst Meltzer” circa 23.000 m².

Il 07.08.1943 nell’ambito di ispezioni di cavità la cava della Porzellanwerke Kahla AG venne dichiarata adatta per il trasferimento di beni culturali (per salvarli da attacchi aerei).

Questa valutazione fu la ragione per cui la cava venne presa in considerazione anche per il trasferimento della produzione bellica sotto terra. Si candidarono varie ditte interessate al sistema di gallerie. Fritz Sauckel con la fondazione GUSTLOFF vinse il concorso. Il 22.03.1944 le gallerie vennero serrate per la costruzione di una fabbrica di aerei. Qui cominciò la storia della REIMAHG.